"Tu sei unico e irripetibile."

 

 

Qualcuno che ti ricordi verità che hai sotterrato.

 

Qualcuno che ti riporti alla mente quanto sia importante investire sul proprio potenziale di essere umano che è creatura olistica, unità di mente, corpo e spirito.

 

E per ottenere qualcosa che non hai mai avuto, devi fare qualcosa che non hai mai fatto: abbattere le tue credenze limitanti. 

Cosa fa di preciso un consulente olistico? Potremmo descriverlo come un operatore nella relazione d’aiuto, una figura che “aiuta l'altro ad aiutarsi”.

Alle volte durante un momento di disagio, che sia fisico, relazionale, di lavoro, si ha bisogno di supporto, per sfruttare le proprie eccellenze al fine di ritrovare le risorse per tornare protagonisti e in armonia, rimettendosi su un percorso di vita indirizzato al benessere.

 

 

Chiunque può rivolgersi a un counselor olistico.

 

 

 “olistico”significa che l’approccio è differenziato. Alla base dell’approccio olistico c’è la visione della persona come un’unità dei triplici aspetti corpo-mente-spirito.

 

Si lavora con tutte e tre le parti, per coltivare valori profondi frutto di questi tre aspetti che vanno messi non in confusione ma in comunione, in armonia.

 

Il corpo manda segnali che devono essere letti, l’anima ha desideri che vanno assecondati e per far ciò è necessario attivare una consapevolezza anche attraverso strumenti energetico-vibrazionali (pranayama, yoga, fiori di Bach, terapia verbale, disintossicazione etc.)

 

In altre parole, il fine ultimo del counselor olistico è quello di rimettere la persona in sintonia con la propria nota personale.

 

Attraverso un percorso di crescita in consapevolezza cambia la visione, come se una luce illuminasse angoli che erano nascosti o rendesse visibili aspetti che non eravamo in grado di cogliere fino a un momento prima.

 

Quando cambia la luce, cambia il modo in cui le cose vengono illuminate e dunque viste e concepite.

  

Il progresso sta nell’integrazione di sistemi di cura come quello allopatico e quello naturale. Un percorso di autoconoscenza permette all'individuo di ammalarsi di meno, essere più presente alle proprie scelte.

 

Migliora la forma del corpo, l'energia, le vibrazioni risuonano su livelli diversi.

 

Se la nostra presenza nel mondo diventa pura, inevitabilmente traghettiamo la nostra bellezza naturale. E la propaghiamo. Lo stato energetico influenza il corpo, inevitabilmente.

 

Vivere in modo consapevole è un grande obiettivo.

 

Purtroppo molte persone vivono come in uno stato di dormienti; Una persona consapevole risuona su certe vibrazioni e automaticamente cambia la frequenza intorno a sé. Non è più vittima ma protagonista.

 

La crisi e il ristagno energetico che stiamo vivendo si dovrebbero trasformare in una luce imponente.

L'ombra da cui siamo bersagliati ora, in ogni senso e sotto ogni aspetto, ci mette nella condizione di attivare velocemente dei provvedimenti di luce.

 

 

 

Sat Siri

da 11 anni conduce gruppi di Kundalini Yoga, integrando l’ utilizzo di tecniche corporee, meditazioni, rilassamento, ascolto, controllo consapevole del respiro e della parola. Attraverso uno spazio di riflessione e di esperienza, favorisce capacità di scelta e cambiamento, lasciando emergere i punti di forza e le capacità di autodeterminazione. Integra competenze comunicativo-relazionali con metodologie naturali, energetiche, artistiche, meditative.

La pratica dello Yoga si lega al Counseling verbale, nell'ambito della prevenzione e della presa in carico globale del disagio, nelle professioni di aiuto alla persona.

 

 

per appuntamento e tel .    satsiri9@gmail.com