Yogi Bhajan ha toccato i cuori e aperto le menti delle persone riguardo ad ogni sfera della vita. Insegnando nello stesso modo in casa, o in una sala o in un in un parco seduto sul prato, fu mentore di statisti, politici, amministratori delegati e confidente di esponenti religiosi, personalità dei media e semplici persone.

Il motto di Yogi Bhajan era "Non è la vita che conta, è il coraggio che ci metti". La sua linea guida, stampata sul retro del suo biglietto da visita, era: "Se non riesci a vedere Dio in tutto, non puoi vedere Dio del tutto" e Yogi Bhajan la seguì.

Yogi Bhajan (alla nascita Harbhajan Singh Puri) nacque in India il 26 Agosto 1929. Durante la prima infanzia crebbe sulle ginocchia di quel sant'uomo del nonno. All'età di otto anni fu mandato a studiare con il grande Maestro, Sant Hazara Singh, sotto la cui tutela inesorabile acquisì la padronanza del Kundalini Yoga all'età di 16 anni e mezzo

Durante la divisione dell'India nel 1947, il villaggio del giovane Harbhajan dovette essere evacuato perché era diventato parte del Pakistan. Ancora adolescente, con la sua capacità di leadership già riconosciuta, fu incaricato di guidare più di un migliaio di persone verso la sicurezza a Delhi; un viaggio attraverso molte miglia di un paese con violenti sconvolgimenti.

Da giovane presso la Punjab University, Yogi Bhajan fu un atleta di alto livello e si guadagnò un master in economia. Nell'esercito divenne un Motor Transport Officer, poi servì il governo indiano presso la Tax and Custom Division finché non partì per l’ Occidente. Yogi Bhajan sposò Inderjit Bibi Kaur nel 1953. Ebbero tre figli nati in India e cinque nipoti nati negli Stati Uniti.

 

Yogi Bhajan fece la sua prima conferenza pubblica negli Stati Uniti il 5 Gennaio 1969. Era deciso a formare insegnanti con il potere di guarire, elevare ed ispirare l'umanità. Yogi Bhajan disse: "Sono venuto a formare insegnanti non a trovare discepoli." Nel luglio del 1969, Yogi Bhajan fondò legalmente la 3HO (Healthy, Happy, Holy Organization).

Yogi Bhajan insegnò il Kundalini Yoga apertamente al pubblico per la prima volta nella storia, nonostante il tabù che lo aveva tenuto in segreto per secoli. Egli non si limitò a insegnare l'esercizio fisico, la meditazione e le tecniche di respirazione yoga in quanto tali, ma insegnò alle persone come vivere, come relazionarsi tra loro, e come relazionarsi a Dio. Lo stile di vita della 3HO offrì una alternativa alla cultura della droga diffusa tra i giovani in quel tempo.

L'intuizione penetrante, la compassione infinita, il servizio instancabile, e il delizioso senso dell'umorismo resero immediatamente caro Yogi Bhajan al popolo di giovani che affluiva ai suoi Corsi di Kundalini Yoga. Egli insegnò agli studenti come accedere alla loro consapevolezza intuitiva, come sperimentare la coscienza superiore senza l'uso di droghe e come costruire un futuro per se stessi e le loro famiglie.

Si dedicò a promuovere il benessere e la parità delle donne nel mondo e ispirò le stesse donne a guidare, elevare e guarire con la loro grazia e il loro potere intrinseco.

Yogi Bhajan non era certo lo stereotipo dello yogi che vive in una grotta, indossa un perizoma e porta con sé una ciotola per l'elemosina. Al contrario, egli fu l'ispiratore e la forza trainante di diciannove prospere società che sposavano i principi che egli insegnava. Yogi Bhajan ha pubblicato oltre 30 libri e più di 200 manuali, video e CD con i suoi insegnamenti (disponibili presso il KRI). Nel 1980 conseguì il dottorato di ricerca in Psicologia della Comunicazione. Yogi Bhajan non prese mai alcun merito per i suoi successi, diceva sempre che era tutta grazia di Dio e del Guru e che lui era "solo il postino che consegna il messaggio."

Anche se lui era un devoto Sikh, Yogi Bhajan non cercò mai di convertire nessuno. Tuttavia, il suo esempio di fede incrollabile e di impegno verso Dio e il Guru fu contagioso e molti dei suoi studenti si resero conto che erano destinati a camminare attraverso la vita sul percorso Sikh (ricercatori di verità ).

Nel 1971, ad Amritsar, in India, un importante leader Sikh lo onorò dandogli per la prima volta in assoluto il titolo di "Siri Singh Sahib", con la responsabilità di stabilire il Sikh Dharma in Occidente. Nel promuovere la pace nel mondo durante la sua attiva vita, ebbe modo di incontrare i leader religiosi e spirituali di tutto il mondo.

Yogi Bhajan lasciò il suo corpo il 6 Ottobre 2004, all'età di 75 anni. Per molte persone, non è in realtà "morto" perché la sua presenza è ancora così vibrante in noi.

La sua divina sapienza e ispirazione vive nella eredità illuminante della vasta Library of Teachings che ha creato per servire noi ora, e per le innumerevoli generazioni a venire.

 

Brano estratto da: Khalsa, Shakti Parwha Kaur. Kundalini Yoga: The Flow of Eternal Power. New York: Berkeley Publishing Group, 1996.